MENU

28 novembre 2012

Cult · in evidenza · arrampicata · CAI di Mondovì · cinema di montagna · Cineteca del CAI · Climbing · Cold · Cory Richards · Davide Carrari · Denis Urubko · experience · Linea 4000 · Maurizio Zanolla Manolo · Mondivì ALP Movie · Mondovì · Patrick Berhault · Piemonte · serate alpinistiche · Simone Moro · Trento Film Festival · Verticalmente Démodé · Cultura

ULTIMO APPUNTAMENTO "MONDOVI' ALP MOVIE" Questa sera, il regista di "Verticalmente Démodé"

Saranno le immagini di grandi imprese e il racconto degli alpinisti i veri protagonisti dell’ultimo appuntamento di Mondovì ALP MOVIE, questa sera, mercoledì 28 novembre, presso il Cinema Teatro Baretti di Mondovì. Dalle vette del Karakorum, alla verticalità della falesia del Baule nelle Dolomiti bellunesi, ai quattromila metri delle alpi: tre le proiezioni in programma.

Ospite della serata il regista torinese Davide Carrari che presenterà “VERTICALMENTE DÉMODÉ” il film che propone una dimensione “d’autore” dell’arrampicata su placca verticale firmata dal grande Maurizio Manolo Zanolla.

Premiato con la “GENZIANA D’ORO al miglior film di alpinismo o montagna” al 60° TrentoFilmfestival – e ad oggi premiato in numerosi altri festival – è un omaggio all’arrampicata libera “non soltanto uno sport ma un’arte creativa, raccontata da un grande personaggio che spinge costantemente le sue capacità oltre i propri limiti”. La proiezione è a cura del Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI.

La serata si aprirà con le emozioni dell’alpinismo estremo con “COLD” opera statunitense e “GENZIANA D’ARGENTO al miglior cortometraggio” al 60° TrentoFilmfestival. Il film documenta l’impresa degli alpinisti Simone Moro, Denis Urubko e Cory Richards che nel febbraio 2011 raggiunsero la vetta del Gasherbrum II a 8.035 metri di quota, la prima salita invernale e la prima invernale in assoluto in uno dei cinque ottomila del Karakorum pakistano. L’esperienza dei tre alpinisti impegnati sul Gasherbrum II, nel cuore di un buio e durissimo inverno, è vista con lo sguardo crudo e onesto di Cory Richards partecipante, cineasta e fotografo. Per l’alpinista italiano Simone Moro è stata la terza prima scalata invernale di un ottomila, dopo lo Shisha Pangma nel 2005 e del Makalu nel 2009.

Sulle orme dell’impresa lanciata dall’alpinista francese Patrick Berhault, “LINEA 4000” porterà invece gli spettatori sulle alte vette delle Alpi coinvolgendoli in un racconto dalle immagini maestose. L’impresa di Franco Nicolini e Diego Giovannini di concatenare tutte le 82 vette che superano i quattromila sulle Alpi, documentata dal film di Giuliano Torghele, è stata conclusa in 60 giorni muovendosi esclusivamente a piedi, sugli sci o in bicicletta.

La serata di questa sera, concluderà Mondovì ALP MOVIE visioni e personaggi d’alta quota la rassegna esordio che ha raccolto il pieno successo di pubblico (doppia proiezione per il film su Walter Bonatti giovedì scorso) e di apprezzamenti delle prime due serate.

Proposta dalla sezione del CAI di Mondovì grazie alla collaborazione con il 60° TrentoFilmfestival e con il Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI.

La serata è a ingresso libero fino ad esaurimento posti.

VAI ALL’ULTIMA INTERVISTA DI MOUNTAINBLOG A DAVIDE CARRARI ED ENRICO MONTROSSET

VAI ALL’ULTIMA INTERVISTA DI MOUNTAINBLOG A MAURIZIO “MANOLO” ZANOLLA

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,