MENU

12 ottobre 2017

Cultura · Family & Kids · Italia · Trentino Alto Adige · Val di Fiemme

Predazzo, record di visite alla Montagnanimata: quasi 100 mila presenze nell’estate 2017.

Montagnanimata si afferma fra i parchi tematici più visitati del Trentino. Aperta nel 2011, in sette anni ha aumentato il suo fatturato del 70%. Se nell’estate 2011 i visitatori erano 40 mila, nel 2017 sono stati quasi 100 mila: una media di 1.400 visitatori al giorno. Complessivamente, le visite sono aumentate del 150%.
Viene apprezzata l’animazione “green” che propone. Fra giochi di legno e pietra, si trovano percorsi tematici fra i più originali che permettono ai bimbi di vivere intere giornate cercando indizi nella natura e imparando a conoscerla.

Dal 25 giugno al 10 settembre 2017 i bambini si sono divertiti fra passeggiate tematiche, missioni, spettacoli itineranti e cantastorie. Si contano, in un’estate, 40 mila discese con l’Alpine Coaster Gardoné, 30 mila discese con i tubby, 5.000 giocolibri venduti.

I 53 spettacoli messi in scena durante l’estate hanno visto presenti 6.500 spettatori. I bambini spesso ritornano più volte sulla Montagnanimata, anche due volte nella stessa settimana. Sanno che ogni giorno è diverso dall’altro. L’impegno di Sara Azzolini, project manager degli impianti di risalita Latemar 2200 di Predazzo, e del suo staff, è proprio quello di continuare a stupirli con novità, spettacoli e giocolibri inediti.

Da cosa è stata caratterizzata la stagione 2017?
“Abbiamo lanciato il sentiero Geotrail Dos Capèl – risponde Sara Azzolini -, con il suo divertente giocolibro. Molti visitatori hanno apprezzato gli allestimenti studiati dal Muse di Trento e dal Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo e sono rimasti affascinati dalle illustrazioni di Bernardo Carvalho”.

Anche i vostri spettacoli hanno avuto successo, qual è il segreto?
I nostri show invitano i bambini a sentirsi attori e protagonisti. I bimbi sanno che i nostri spettacoli sono sempre diversi, ma si sentono a casa, perché conoscono i personaggi. Secondo gli attori Nicola Sordo e Emma Deflorian, presenti sulla Montagnanimata fin dagli inizi, il pubblico è sempre più partecipativo, si lascia coinvolgere. I bambini entrano nella storia, ma anche i genitori si mettono in gioco.  I più piccoli sono così rapiti dai racconti con giochi di ruolo che interagiscono con tempismo e competenza, anche ricordando le letture e gli spettacoli precedenti”.

I bambini cercano sempre nuovi stimoli o tornano a fare giochi che già conoscono?
“Hanno una sete insaziabile di novità. Al punto info, sistematicamente, si presenta qualche bambino che chiede qual è l’ultimo giocolibro. Ne vogliono sempre uno nuovo. Anche quest’anno non ci siamo fatti trovare impreparati. Fra i nuovi giocolibri e i racconti della Collana in Erba: Geotrail Dos Capèl, Mondo Triassico, Goira Avventure Cercadraghi, Mì e le Api, I segreti del nonno”.

Montagnanimata narra storie anche sul web. È visitato il vostro blog?
Abbiamo dedicato tempo e passione a raccontare storie, dare informazioni, spiegare Montagnanimata, far conoscere il territorio e i suoi prodotti. Ci piace molto farlo, ed è sempre piacevole vedere che le persone leggono e apprezzano. Abbiamo scritto articoli sul miele, le escursioni, i rifugi, i vantaggi della respirazione, ma anche una serie di articoli su cosa fare con i bambini per fascia d’età (0-2, 3-7, 8-14 anni), altri su un gruppetto di bimbi che si avventura nella nostra Foresta dei Draghi e incappa in una serie di indizi”.

Chi volesse assaporare la passione per la narrazione della Montagnanimata, che ha già pubblicato 5 libri e 19 giocolibri, può farlo anche a impianti chiusi, visitando www.montagnanimata.it/blog

INFO: Val di Fiemme