MENU

8 luglio 2020

Climbing · Vertical · Europa

Stefano Carnati ripete “Jungle Boogie” (9a+) a Ceüse

Stefano Carnati. Fonte: video intervista MB, 2018

Il 22enne climber comasco ripete la via liberata da Adam Ondra nel 2012

Buone notizie dalla falesia di Ceüse, in Francia, dove venerdì scorso il 22enne Stefano “Teto” Carnati ha ripetuto “Jungle Boogie” (9a+).

Carnati lo ha annunciato ieri sul suo instagram:

“Sono tornato a Céüse per un viaggio di tre giorni con @gabrimoroni and @climbemall_ , per approfittare delle buone condizioni meteorologiche e completare il mio progetto!
La mia storia su questa via è iniziata l’anno scorso ad aprile. Dopo  “Biografie” volevo trovare un altro buon progetto da tentare e la scelta è caduta su “Three deegres of Sepration”, ma ben presto ho capito che era fuori dalla mia portata. Così ho deciso presto di cambiare obiettivo e controllare quest’altra linea, nonostante fossi spaventato dal fatto di averci visto solo poche persone sopra e dalle cose che avevo sentito. Eppure ho subito capito che si adattava abbastanza bene al mio stile e la sfida è iniziata. I pezzi del puzzle si sono uniti rapidamente, quindi ho iniziato presto a fare tentativi promettenti, avvicinandomi a fine maggio. L’idea era di tornarci a settembre, ma alla fine non sono riuscito a trovare il tempo.
L’attesa è una parte importante di ogni progetto, ma con l’emergenza che il mondo ha dovuto affrontare quest’anno, l’attesa è stata ancora più difficile e il programma di visitare Céüse in questa stagione sembrava irrealistica. Per fortuna, non appena le frontiere sono state riaperte ho avuto la possibilità di tornare … e, fortunatamente, con una potenza leggermente superiore rispetto allo scorso anno!…”

La prima parte della via è costituita da 25 intensi movimenti su tacche taglienti,  senza pause.

“…Raggiungere il jug alla fine di questa sezione è stato un momento di pura gioia, ma rimanere presenti sulla placca superiore, più facile, di 20 metri (su cui sono da evitare cadute) senza più energie e sensibilità nelle dita è stata sicuramente la vera sfida mentale, durata quindici lunghi minuti!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Numbness • Made it back to Céüse for a three days trip with @gabrimoroni and @climbemall_ , taking advantage of the good weather conditions and finished off my project! My story with this route begins last year in April. After the send of “Biographie” I wanted to find another good project to try and the choice fell on “Three deegres of sepration”, but very soon I understood the dyno move was too far out of reach for me. So I shortly decided to change and check this other line, despite being scared by the fact that I had only seen a few people on it and by the things I had heard. Yet I immediately realized it suit my style quite well and the battle began. The pieces of the puzzle were rapidly coming together, so I soon started giving it promising tries, coming close in late May. The idea was to return in September, but eventually I couldn’t find the time. Waiting is a big part of every project, but with the weird situation the world faced this year, waiting was even harder and planning to visit Céüse this season seemed unrealistic. Fortunately as soon as borders were opened I had the chance to come back… and luckily with that slightly more power than last year! 25 really intense moves, on some of the sharpest crimps I’ve ever grabbed, without any rests, make up the first part of the route. The redpoint crux consists of a reachy lock off to a good two fingers pocket, which was not that hard for me to do individually, but coming from the ground it really became a struggle against finger numbness after so much crimping. Happily last friday everything worked out all right! Reaching the jug at the end of this sequence was a moment of pure joy, but staying present on the upper easier 20 metres slab (no fall zone) without any more energies and sensation in my fingers was definitely the real mental challenge. And it lasted fifteen long minutes! Thank you @marci_bomb for the send belay and all the other people cheering! And… merci Céüse💚 • JUNGLE BOOGIE [9a+] ✔ • #climbing #falling #ceuse #france @camp1889 @scarpaspa @dfsportspecialist @rockexperienceofficial @ragnidilecco @asd_ragnidilecco @skillsrls

Un post condiviso da Stefano Carnati (@teto_carnati) in data: