MENU

23 settembre 2019

Boulder · Vertical · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige

Europei Giovanili Boulder 2019. Doppio oro francese e argento per Fogu nella cat. Under18

Europei Giovanili Boulder 2019, Bressanone: Miriam Fogu, argento cat. Under18. Fonte: Newspower

Gran gara della perugina Miriam Fogu, seconda dietro la Meignan

Successo francese nella finalissima degli Under 18 ai Campionati Europei Giovanili Boulder. L’azzurra Miriam Fogu ce l’ha messa tutta, ma un piccolo infortunio al dito al primo blocco l’ha rallentata. Poi ha ripreso vigore ed ha centrato un top dopo l’altro ma in finale sono finite tutte atlete di primo piano.

Sicuramente i tracciatori non sono stati morbidi, nessuna ha raggiunto il top al secondo boulder. Anche i maschi hanno faticato non poco ad ingegnarsi per pinzare le dita al top.

Tra le ragazze ha vinto la transalpina Naile Meignan, l’unica a conteggiare tre top e 4 zone. Quello conclusivo le ha lanciato l’oro al collo, lasciando un po’ di amaro in bocca alla compagine azzurra. Ma la perugina l’ha presa con filosofia: “É stata una finale abbastanza combattuta contro me stessa, nel primo blocco mi si è bloccato un dito e ho perso un po’ la testa, anche se alla fine non era nulla di grave. Mi sono ripresa al terzo blocco: mi sono gasata e sono riuscita a dare quello che volevo dare. Adesso mi aspetta solo altro duro allenamento”.

Europei giovanili boulder 2019, Bressanone: Jenft e Meignan, i vincitori Under18. Fonte: Newspower

Un volo liberatorio dalla parete e gli applausi per la Meignan, poi un abbraccio col connazionale Paul Jenft anche lui a concludere vittorioso col quarto boulder, in contemporanea: “Sono felice di come ho arrampicato – ha detto Naile. – Questa gara è davvero importante per me e sono contenta di com’è finita. Non so cosa mi aspetta ora, ma potrei prendermi qualche giorno per festeggiare la vittoria”.

E dunque doppio successo francese. Jenft ha scalato in scioltezza, oseremo dire con leggerezza, ma la sua tecnica è ineccepibile. Unico a mettere a fuoco i 4 boulder, non ha mai sofferto il confronto diretto con i due spagnoli Bazan Martin e Gines Lopez. Quest’ultimo soprattutto ha mal digerito la sconfitta, lui che puntava in alto anche al Mondiale.

Gran pubblico alla premiazione, con la Francia a fare la parte del leone con tre ori, l’Austria con due e la Gran Bretagna con uno.

Finale Youth A maschile
1 Jenft Paul FRA; 2 Bazan Martín Héctor ESP; 3 Ginés López Alberto ESP; 4 Bogeschdorfer Lawrence AUT; 5 Burtin Louison FRA; 6 Polak Andrej SLO

Finale Youth A femminile
1 Meignan Naile FRA; 2 Fogu Miriam ITA; 3 Michalkova Vanda SVK; 4 Sautier Lola FRA; 5 Kulagina Polina RUS; 6 Iltis Kintana FRA